logo di stampa italiano
 
Sei in: Analisi per Area d'Affari » Area Energia Elettrica

Analisi delle attività relative all'Area Energia Elettrica

L'Area Energia Elettrica contribuisce per il 45% al giro d'affari complessivo del Gruppo con un contributo alla marginalità complessiva del 9,3% come evidenziato nella tabella sottostante:

(mln/€)31-dic-0831-dic-09Var. Ass.Var. %
Margine operativo lordo area54,453,0-1,4-2,6%
Margine operativo lordo gruppo528,3567,3+39,0+7,4%
Peso percentuale10,3%9,3%-1,0 p.p. 

Al termine dell'esercizio 2009 l'area presenta una diminuzione di 1,4 milioni di euro del Margine Operativo Lordo, che passa da 54,4 milioni di euro del 2008 a 53,0 milioni di euro del 2009.

Di seguito si propone l'analisi dei risultati dell'area:

Conto economico (mln/€)31-dic-08Inc.%31-dic-09Inc%Var. Ass.Var. %
Ricavi1.557,3 2.027,7 +470,4+30,2%
Costi operativi(1.505,8)-96,7%(1.965,0)-96,9%+459,2+30,5%
Costi del personale(22,2)-1,4%(24,1)-1,2%+1,9+8,6%
Costi capitalizzati25,11,6%14,40,7%-10,7-42,7%
Margine operativo lordo54,43,5%53,02,6%-1,4-2,6%

I ricavi passano dai 1.557,3 milioni di euro del 2008 ai 2.027,7 del 2009, con un aumento del 30,2%, per effetto dei maggiori volumi intermediati e del maggior costo della materia prima energetica.

La tabella seguente riporta in dettaglio l'andamento dei ricavi per tipologia:

(milioni di euro)31-dic-08Inc.%31-dic-09Inc%Var. Ass.Var. %
Ricavi da vendita595,938,3%690,034,0%+94,1+15,8%
Ricavi da distribuzione (*)46,83,0%48,32,4%+1,5+3,2%
Trading / altro (*)914,658,7%1.289,363,6%+374,7+41,0%
Altro-0,0%-0,0%+0,0+0,0%
Totale ricavi1.557,3100,0%2.027,7100,0%+470,4+30,2%

(*) il dato 2008 riposiziona 1,5 milioni di euro di ricavi per perequazione da altre attività a distribuzione

I ricavi di vendita aumentano del 15,8% per effetto di maggiori volumi derivanti dal potenziamento dell'azione commerciale e dall'aumento del prezzo medio dell'energia sul mercato. Anche il forte aumento dei ricavi da trading sul mercato elettrico è in linea con gli obiettivi commerciali del Gruppo.

I dati quantitativi dell'area, che non ricomprendono le attività di trading, che hanno intermediato circa 15 Twh, evidenziano un andamento dei volumi che riflette quanto sopra:

Dati quantitativi31-dic-0831-dic-09Var. Ass.Var. %
Numero clienti (unità in migliaia)286,9335,3+48,4+16,9%
Volumi venduti (Gw/h)5.075,27.047,4+1.972,2+38,9%
Volumi distribuiti (Gw/h)2.263,42.117,5-145,9-6,4%

Il calo dei volumi distribuiti evidenzia la diminuzione dei consumi legata alla crisi economica in atto. Per quanto riguarda i volumi venduti invece l'aumento è conseguente al buon andamento delle attività commerciali collegate sia al mercato libero che al mercato di salvaguardia.

L'incremento di attività e prezzi spiega il proporzionale aumento dei costi operativi, dovuto all'acquisto di materia prima, e la marginalità percentuale che passa dal 3,5% del 2008 al 2,6% del 2009.

Il Costo del lavoro aumenta rispetto all'esercizio 2008 per i maggiori costi commerciali sostenuti nonché per effetto della focalizzazione delle attività a seguito del già citato processo di scissione delle società operative territoriali.

I costi capitalizzati diminuiscono complessivamente di 10,7 milioni di euro, di cui 6,4 per effetto del già citato cambiamento di trattamento contabile dei lavori realizzati internamente.

Al termine dell'esercizio 2009 il Margine Operativo Lordo registra una diminuzione rispetto all'anno precedente, passando da 54,4 a 53,0 milioni di euro, con una diminuzione percentuale del 2,6%: tale risultato va valutato considerando che al 31 dicembre 2009 si è registrata una variazione negativa dei fair value dei derivati legati all'attività di Trading per 4,5 milioni di euro. Inoltre le meno favorevoli condizioni di mercato hanno penalizzato le attività di produzione elettrica della nuova centrale di cogenerazione di Imola. L'anno 2009 sconta anche l'effetto negativo di minusvalenze legate all' attività di sostituzione massiva dei contatori elettrici.

 
Vuoi farci una domanda?
Approfondisci questo argomento sul nostro sito