logo di stampa italiano
 
Sei in: Analisi per Area d'Affari » Area Ambiente

Analisi delle attività relative all'Area Ambiente

L'Area Ambiente è quella che ha risentito maggiormente degli effetti della crisi economica generale, ma ciononostante si presenta con un margine in leggero aumento rispetto all'esercizio 2008, come evidenziato nella tabella seguente:

(mln/€)31-dic-0831-dic-09Var. Ass.Var. %
Margine operativo lordo area186,3187,3+1,0+0,5%
Margine operativo lordo gruppo528,3567,3+39,0+7,4%
Peso percentuale35,3%33,0%-2,3 p.p. 

Ricordiamo che il Gruppo Hera è da tempo la più rilevante realtà integrata del settore a livello nazionale con una dotazione di oltre 77 impianti di trattamento e smaltimento di rifiuti urbani e speciali.

Per quanto riguarda i Servizi di Igiene Urbana sul territorio, spazzamento, raccolta e smaltimento di rifiuti urbani, come nel Ciclo Idrico, anche su questo settore il Gruppo opera nell'ambito dei 7 ATO delle Province di Ravenna, Forlì - Cesena, Rimini, Bologna, Ferrara, Modena e Pesaro - Urbino.

In seguito si propone un'analisi dei risultati della gestione realizzati nell'area d'attività Ambiente:

Conto economico (mln/€)31-dic-08Inc.%31-dic-09Inc%Var. Ass.Var. %
Ricavi632,1 642,4 +10,3+1,6%
Costi operativi(328,0)-51,9%(327,3)-50,9%-0,7-0,2%
Costi del personale(142,1)-22,5%(142,4)-22,2%+0,3+0,2%
Costi capitalizzati24,23,8%14,52,3%-9,7-40,0%
Margine operativo lordo186,329,5%187,329,2%+1,0+0,5%

I ricavi alla fine dell'esercizio 2009 mostrano un incremento dell'1,6%, passando dai 632,1 milioni di euro del 2008 ai 642,4 dell'analogo periodo di quest'anno, legato ai maggiori ricavi d'igiene urbana per gli adeguamenti tariffari ottenuti a copertura dei maggiori servizi richiesti, parzialmente ridotto dalla diminuzione dei volumi di rifiuti speciali trattati.

La raccolta differenziata, in termini di incidenza percentuale sul totale dei volumi raccolti, raggiunge al termine del 2009 il 44,8%, contro il 42,1% dell'esercizio 2008, aumentando di 2,7 punti percentuali.

La tabella seguente evidenzia il calo delle quantità di rifiuti smaltiti, che sono diminuiti del 2,6% rispetto all'anno 2008:

Dati Quantitativi (migliaia di tonnellate)31-dic-08Inc%31-dic-09Inc%Var. Ass.Var. %
Rifiuti urbani1.762,534,2%1.793,935,1%+31,4+1,8%
Rifiuti da mercato1.650,732,0%1.530,829,9%-119,9-7,3%
Clienti diretti società controllate-0,0%-0,0%+0,0+0,0%
Rifiuti commercializzati3.413,266,2%3.324,765,0%-88,5-2,6%
Sottoprodotti impianti1.745,033,8%1.790,235,0%+45,2+2,6%
Rifiuti trattati per tipologia5.158,2100,0%5.114,8100,0%-43,4-0,8%
Discariche1.597,831,0%1.400,427,4%-197,4-12,4%
Termovalorizzatori622,412,1%734,514,4%+112,1+18,0%
Impianti di selezione343,96,7%290,65,7%-53,3-15,5%
Impianti di compostaggio352,26,8%402,07,9%+49,8+14,1%
Imp. di inertizzazione e chimico-fisici1.057,920,5%1.084,621,2%+26,7+2,5%
Altro1.184,023,0%1.202,723,5%+18,7+1,6%
Rifiuti trattati per impianto5.158,2100,0%5.114,8100,0%-43,4-0,8%

Dall'analisi dei dati quantitativi si rileva un aumento dei rifiuti urbani, legato all'aumento della popolazione servita, e una diminuzione di quelli da mercato, dovuto all'avversa congiuntura economica. Si evidenzia inoltre un forte calo dell'utilizzo delle discariche a favore di un aumento dell'utilizzo di impianti di termovalorizzazione, compostaggio e inertizzazione, anche grazie al pieno funzionamento dei nuovi impianti di Ferrara e Forlì e all'avvio di quello di Modena.

Va segnalata la riclassifica dei rifiuti trattati per tipologia dell'anno 2008 dovuta alla creazione della società HERAmbiente, in quanto sono stati ridisegnati i flussi dei rifiuti all'interno della società stessa e delle sue controllate.

In conclusione i risultati economici dell'area Ambiente sono influenzati positivamente dall'apporto dei nuovi impianti e dai maggiori servizi erogati; viceversa impattano negativamente gli effetti della crisi economica che determinano una diminuzione dei volumi di rifiuti speciali trattati e dei prezzi dei materiali avviati a recupero tramite la raccolta differenziata.

Il Margine Operativo Lordo dell'area Ambiente è passato dai 186,3 milioni di euro del 2008 ai 187,3 del corrispondente periodo del 2009, con un incremento dello 0,5%.

 
Vuoi farci una domanda?
Approfondisci questo argomento sul nostro sito